Subscribe
Share
Search
Torna in alto
Scorri la pagina
top

Avviare applicativi in un ambiente sicuro virtualizzato

Una  funzione poco conosciuta presente in Windows 10 (dalla versione 1903 in poi) è “Windows Sandbox”: una volta attivata, saremo in grado di caricare in Windows un’altra sessione di Windows, ma questa volta “virtuale”, in cui potremo caricare qualsiasi applicativo, anche quelli più sospetti, senza il rischio di infettare il normale sistema operativo Windows.

In questo modo potremo testare programmi scaricati, navigare in rete e provare estensioni del browser, senza paura che capiti qualcosa al nostro PC.

Prima di poter installare Windows Sandbox però, è necessario assicurarsi che il computer soddisfi determinati requisiti:

Windows 10 Pro o Enterprise build 1903 o successive (esistono modi per installarlo su Windows 10 Home, ma richiedono un po’ di lavoro extra, che non sarà trattato in questo articolo)
Architettura 64-bit
Funzionalità di virtualizzazione abilitate nel BIOS
Almeno 4 GB di RAM (8 GB consigliati)
Almeno 1 GB di spazio libero su disco (SSD consigliato)
Almeno 2 core CPU (4 core con hyperthreading consigliati)
Per installare Windows Sandbox, segui semplicemente questi passaggi:

Assicurati di utilizzare Windows 10 Pro o o Enterprise con la versione 1903 o successiva.
Assicurarsi che la virtualizzazione della CPU sia abilitata nel BIOS del computer.
Fai clic sul pulsante Start e cerca “Attiva o disattiva funzionalità di Windows”. Quando appare nei risultati della ricerca, fai clic sul risultato.
Nella finestra che si apre, cerca e seleziona la voce “Sandbox di Windows” e clicca su “OK”.

Al termine dell’installazione, Windows ti chiede di riavviare: esegui pure il riavvio.

A questo punto Windows Sandbox è installato nel PC e per utilizzarlo fai clic sul pulsante Start e cerca Windows Sandbox. Quando appare nei risultati della ricerca, fai clic su di esso per avviare il programma.

Quando Windows Sandbox viene caricato per la prima volta, potrebbe essere necessario un po’ più del normale poiché genera l’immagine di Windows 10 che utilizzerà per la macchina virtuale. Una volta terminato il caricamento, apparirà una finestra, come quella di un applicativo qualsiasi, che invece, contiene un’installazione di Windows 10 completamente funzionante, come mostrato di seguito.

Usate questa funzionalità per navigare in sicurezza ma ricordate che, una volta chiusa la sessione, tutti i contenuti presenti verranno eliminati (compresi eventuali virus).